‹ TORNA A

CAMBIARE VITA, CAMBIARE SGUARDI – racconti sulla disabilità

LEDHA-Lega per i diritti delle persone con disabilità sarà presente a Bookcity Milano con la rassegna “Cambiare vita, cambiare sguardi”, in programma dal 14 al 17 novembre. La rassegna, ideata da Agostino Squeglia e Alberto Fontana, si inserisce tra le iniziative promosse da LEDHA in occasione dei 40 anni di attività dell’associazione ed è organizzata con il sostegno di Fondazione Cariplo in collaborazione con diversi partner.

La storia della disabilità, il rapporto con la fede, le sfide della quotidianità e la vita familiare delle persone con disabilità, dei loro genitori, dei loro fratelli e sorelle. I diritti delle donne con disabilità, il contrasto alla violenza di genere, la rappresentazione della salute mentale sono alcuni dei temi al centro della rassegna. Inoltre fedele allo spirito di Bookcity -che propone eventi diffusi in tutto il territorio urbano- la rassegna “Cambiare vita, cambiare sguardi” accoglie ospiti speciali all’interno di luoghi altrettanto speciali: alcuni di questi sono strettamente legati alla disabilità (come il Centro Clinico NeMO o Cascina Biblioteca), altri invece sono luoghi apparentemente estranei al tema della disabilità, ma che si aprono a un’inedita contaminazione come il palazzo della Borsa di Milano, la chiesa di Santa Maria Incoronata, l’Università Bicocca di Milano.

Agostino Squeglia presenterà gli incontri e leggerà alcuni brani. Per favorire l’accessibilità e la fruibilità della maggior parte degli eventi verrà predisposto un servizio di sottotitolazione o di interpretariato in LIS

Il programma

Giovedì 14 novembre, ore 14.30
“Una storia sociale della disabilità”
Università Milano Bicocca – piazza dell’Ateneo Nuovo, 1
Il volume al centro di questo primo incontro è il saggio “Storia sociale della disabilità” (Carocci editore) di Matteo Schianchi, storico e docente presso l’Università degli Studi Milano-Bicocca. Il debito simbolico cui si fa riferimento nel titolo è il modo stesso con cui, tutti, pensiamo e consideriamo gli individui dal corpo menomato, è il fardello con cui deve fare i conti il loro percorso sociale. Esaminare la lunga eredità che la storia ci ha lasciato è il primo passo per costruire modalità capaci di arginare processi di inferiorizzazione, ritenuti “naturali”. In alternativa, non si può che assistere, e contribuire, al perpetuarsi di rapporti che, per quanto misconosciuti, restano di forza e di dominio.
Matteo Schianchi, dialoga con Giovanni Fosti, presidente di Fondazione Cariplo, Pietro Barbieri (CESE) e Roberta Garbo, docente dell’Università degli Studi di Milano Bicocca. Evento organizzato in collaborazione con Università degli Studi di Milano Bicocca.

Giovedì 14 novembre, ore 18
“Storie sulla mia pelle”
Centro Clinico NeMO, ospedale Niguarda
“Sono dei compagni di viaggio ingombranti i miei motoneuroni, che rispondono a regole con le quali devo convivere, ed è con loro che ho maturato l’immagine che ho di me e del mondo, è inevitabile”. Con il libro “Le regole dei motoneuroni” (Mondadori Electa) Alberto Fontana, presidente dei Centri Clinici NeMO e già presidente LEDHA, racconta cinque storie legate alla disabilità. “Ogni storia che ho incontrato e ho vissuto –scrive Fontana nell’introduzione del libro– mi lascia la consapevolezza che vale la pena giocare la propria vita, con le sue regole e le sue strategie, come negli scacchi, ciascuno alla ricerca del proprio ruolo, insieme agli altri pezzi”. Le esperienze di vita delle persone con disabilità sono al centro di questo incontro in cui Alberto Fontana dialoga con Massimo Mauro, presidente nazionale AISLA, Alessandro Milan e Leonardo Manera, conduttori del programma “Uno, nessuno, CentoMilan” di Radio24. Modera Maurizio Trezzi, giornalista.

SCARICA LA LOCANDINA

Giovedì 14 novembre, ore 20.30
“Chissenefrega dei matti”
Casa della Carità – via Francesco Brambilla 10
“Chissenefrega dei matti” (in lingua originale “No one cares about crazy people. The chaos and heartbreak of mental health in America”) è il titolo del saggio di Ron Powers, giornalista statunitense e premio Pulitzer nel 1973. Il volume è storia sociale della psichiatria che si intreccia con la storia familiare dell’autore, i cui due figli sono affetti da schizofrenia. Tutto il volume è costruito sull’alternarsi di capitoli dedicati alla storia personale e familiare dell’autore e capitoli in cui vengono esposte tematiche più teoriche relative alla malattia mentale, con particolare attenzione alla schizofrenia. Un saggio approfondito ma di facile lettura, che spazia dalla storia della scienza (nascita della psichiatria e della psicoanalisi, evoluzionismo ed eugenetica, neuroscienze, farmacologia) alla storia socio-culturale del XX secolo (Terzo Reich, controcultura, antipsichiatria), arricchendo la trattazione di interessanti riferimenti al mondo dell’arte e della letteratura. L’autore dialogherà a distanza con Peppe Dell’Acqua (già direttore del dipartimento di salute mentale di Trieste e allievo di Franco Basaglia), Danilo De Biasio (direttore del Festival dei diritti umani), don Virginio Colmegna (direttore della Casa della Carità) e Massimo Cirri (conduttore radiofonico e scrittore). È previsto un aperitivo di benvenuto, cui seguirà un intermezzo musicale. Evento organizzato in collaborazione con il Festival dei diritti umani, Urasam e Casa della Carità

(Iscrizione oblligatoria www.casadellacarita.org/bookcity-2019)

Venerdì 15 novembre, ore 17
“Famiglie…con disabilità”
Cascina Biblioteca – via Casoria 50
Cosa vuol dire essere genitori, fratelli e sorelle di persone con disabilità. Quali parole raccontano le relazioni e i rapporti all’interno di una famiglia in cui un figlio, un fratello o un genitore hanno una disabilità? Gli scrittori Afonso Reis Cabral ed Eduardo Savarese esploreranno queste relazioni attraverso le storie raccontate nei loro libri: “Mio fratello” (edizione Nutrimenti) e “Le cose prima” (Minimum Fax) in dialogo con Isabella Bossi Fedrigotti e Rossella Collina di Anffas Milano. Modera la giornalista del Corriere della Sera, Elisabetta Soglio. L’incontro è promosso da LEDHA in collaborazione con Anffas Milano e Consorzio SiR nell’ambito di Bookcity. A seguire sarà offerto un aperitivo a cura della Trattoria solidale.

Venerdì 15 novembre, ore 19.15
“Gli…imperfetti”
Chiesa di Santa Maria Incoronata – corso Garibaldi 116
E se Isacco fosse stato un “neurodiverso”, il figlio autistico di un padre anziano? Parte da questa lettura l’analisi di don Gianni Marmorini autore del libro “Isacco. Il figlio imperfetto” (Claudiana Editore). Nella Bibbia si incontrano numerose figure di persone con disabilità fisica, ma non emerge la disabilità psichica: nel caso di Isacco non si parla esplicitamente della malattia, ma attraverso una serie di indizi messi in fila da don Marmorini si capisce quanto Isacco, fin dalla sua nascita, sia “fragile”. Il rapporto tra fede cristiana e disabilità è al centro di questo incontro che farà dialogare la figura di Isacco con quella della poetessa milanese Alda Merini. Interverranno Gianni Marmorini (“Isacco, il figlio imperfetto”, Claudiana editore) e Arnoldo Mosca Mondadori (curatore del volume “Sei fuoco e amore” di Ada Merini) in dialogo con padre Giuseppe Bettoni e Salvatore Nocera. Modera Giovanni Merlo.

Sabato 16 novembre, ore 15
“Il corpo delle donne con disabilità”
Borsa di Milano – piazza degli Affari, 6 
“Il corpo delle donne con disabilità” (Aracne Editore) è il saggio che dà il titolo a questo incontro. Il testo mette al centro della riflessione il tema delle discriminazioni multiple di cui sono vittima le donne con disabilità, a causa dell’intersezione tra due fattori: il genere e la condizione di disabilità. Contrasto alla violenza di genere e agli abusi, diritto alla sessualità e alla salute riproduttiva, accesso ai servizi sanitari sono alcuni degli aspetti affrontati nel saggio e che verranno discussi nel corso dell’incontro dall’autrice Sara Carnovali, dottoressa di ricerca in Diritto Costituzionale, Lisa Noja (deputata), Anna Scavuzzo (vicesindaco di Milano) e Paola Pessina (vicepresidente Fondazione Cariplo). A seguire sarà offerto un aperitivo.

SCARICA LA LOCANDINA

Domenica 17 novembre, ore 11
“Da Alba a Nino: una diversa visione del mondo”
Casa dei diritti – via De Amicis, 10
Cosa succede all’interno di una famiglia quando nasce un figlio con disabilità? Quali sono le reazioni dei genitori? Come cambiano padri e madri? Protagonisti di questo incontro sono Luca Trapanese (papà adottivo della piccola Alba, una bambina con sindrome di Down) che ha racontato la sua storia nel libro “Nata per te” e Sabrina Parravicini, attrice e mamma di Nino, un bambino con sindrome di Asperger, che ha scritto il libro “Io ragiono con il cuore”. I due autori dialogano con Carolina Raspanti, attrice protagonista del film “Dafne”, Valeria Negrini (Forum Terzo Settore Lombardia) e Alessandro Manfredi (presidente LEDHA). 

Domenica 17 novembre, ore 17.30
“Ci riguarda”
Teatro San Carlo – via Morozzo della Rocca, 12
Agostino Squeglia è il “Suggenitore”, il genitore di persona con disabilità che suggerisce emozioni leggendo pagine della letteratura italiana sulla disabilità, con un suo reading. Ad accompagnarlo l’Orchestra Esagramma, la prima orchestra sinfonica composta anche da persone con disabilità. Un originale incontro per un inedito evento in prima nazionale.

Il ciclo di incontri “Cambiare vita, cambiare sguardi” è promosso e organizzato da LEDHA in collaborazione con l’Università degli Studi Milano Bicocca, Festival dei Diritti Umani, Casa della Carità, Urasam Anffas Milano, Consorzio SiR. Con il sostegno di Fondazione Cariplo.

(Ingresso libero fino ad esaurimento posti, iscrizione obbligatoria per l’evento presso la Casa della Carità)

Scarica il programma degli incontri:

PROGRAMMA GENERALE